Archivi tag: Petrin

Cronaca del CC dell’8 giugno 2015

Prima di passare ai punti oggetto di discussione della seduta dell’8/06/2015, è doveroso segnalare quella che a tutti gli effetti costituisce una novità rilevante nell’ambito del consiglio comunale. Com’è noto da tempo, c’è stata una frattura importante, già denunciata dal Gruppo Progetto San Martino da tempo e precisamente nel consiglio comunale del 30 marzo 2015, nell’ambito del partito che governa San Martino di Lupari.

Tale frattura è dovuta al sostegno offerto dal sindaco e da gran parte dei consiglieri dell’attuale maggioranza alla candidatura di Flavio Tosi alle elezioni regionali del 31 maggio 2015. In conseguenza a tale scelta di campo, i consiglieri Tiziano Petrin e Luigi Zanchin, che alle elezioni regionali hanno sostenuto il candidato ufficiale della Lega Nord Luca Zaia, hanno deciso di uscire dalla maggioranza e di formare un gruppo consiliare autonomo confluendo nel Gruppo Misto.

Pertanto, in assenza di ulteriori novità (la consigliera di maggioranza Valentina Calzavara era assente), ora la maggioranza in consiglio comunale è formata da 10 elementi (sindaco più 9 consiglieri) mentre l’opposizione passa da 5 consiglieri a 7.

Cronaca

1) Veloce approvazione dei Verbali della precedente seduta del 30/04/2015 dopo l’accoglimento della richiesta di una modifica a uno dei verbali da parte del consigliere Zorzato.

2) Deliberazione della Giunta Comunale n. 43 del 09/04/2015 concernente: “Variazione al bilancio di previsione 2015.”. Ratifica

Il primo punto affrontato nella seduta è stato la variazione al Bilancio di Previsione dell’Anno 2015 e, come avviene di consueto in casi analoghi, la presentazione della delibera è stata fatta dall’assessore al bilancio Grigolon.

L’ammontare delle variazioni complessive al bilancio di previsione è pari a 192.000 euro e riguarda diversi aspetti quali, ad esempio, l’aumento dell’Imposta Comunale di Pubblicità (copertura delle spese per la riscossione dei tributi da parte di ABACO Spa), vari contributi regionali per il settore sociale (spese per le Neo-Mamme e iniziative come gli “ORTI SOCIALI”), rimborsi per le spese elettorali regionali, copertura di investimenti, maggiori perequazioni, etc…

La discussione in consiglio comunale è entrata nel vivo in seguito a una richiesta del consigliere Zorzato in merito all’aumento della cosiddetta “Tassa di Segreteria”, che corrisponde alle spese di istruttoria effettuate per le pratiche edilizie.

Zorzato ha riferito che la “Tassa di Segreteria” è aumentata del 333 %, passando da 30 euro a 100 euro, ed ha aggiunto che diverse “voci di corridoio” sostengono che tale incremento è stato introdotto perché l’amministrazione sarebbe attualmente in difficoltà nel pagamento degli stipendi di alcuni dipendenti comunali.

Il sindaco ha ovviamente glissato su quest’ultimo aspetto ed ha insistito sul fatto che i 30 euro che i cittadini pagavano in precedenza per le pratiche edilizie erano un valore irrisorio e il Comune non ha fatto altro che adeguare alla realtà contingente le spese di segreteria basandosi sul costo medio della pratica edilizia di altri comuni, ad esempio Cittadella. Il sindaco ha poi precisato che la tassa di segreteria serve per coprire il costo del personale impiegato per la redazione della pratica stessa.

È allora intervenuta la consigliera di Progetto San Martino Rossella Resoli, la quale ha chiesto al Sindaco come mai si interviene solo “ora” (Giugno 2015) quando già si conosceva in precedenza l’entità delle spese che avrebbero dovuto essere sostenute. “Per correttezza”, ha spiegato la consigliera Resoli, “tale intervento avrebbe dovuto essere già stato fatto nei due anni precedenti ma invece si è preferirlo posticiparlo… Ciò è avvenuto forse per RAGIONI ELETTORALI?”.

A questo punto il Sindaco, supportato come da copione dall’assessore Grigolon, ha replicato che la causa di tali interventi è da imputare ai tanti tagli che i governi che si sono succeduti hanno imposto ai comuni nel corso degli anni. Poiché ci sono nuovi interventi governativi ogni anno, non è possibile predeterminare con largo anticipo le contromisure adottabili dai comuni.

Terminata la discussione, l’aula è passata alla votazione del punto 2): il provvedimento è stato approvato dalla “Nuova Maggioranza” all’unanimità, mentre Progetto San Martino e i due consiglieri del Gruppo Misto si sono astenuti. Il consigliere Zorzato ha espresso il voto contrario.

3) Approvazione adempimenti
ai sensi del DM 2 Aprile 2015

Anche il punto 3) è stato presentato dall’assessore al bilancio Grigolon.

Grigolon ha spiegato che si tratta di un semplice adempimento relativo ad alcune normative che sono entrate in vigore quest’anno (decreto legislativo n. 118 del 2011 che aveva recepito una direttiva europea), le quali hanno l’obiettivo di armonizzare i sistemi contabili di vari enti territoriali.

Il decreto sopracitato ha introdotto un nuovo principio contabile, il “Principio di Cassa Potenziata”, che di fatto va a sostituire il principio di competenza economica: tale principio impone il riaccertamento e la rideterminazione dei residui attivi e passivi nei bilanci degli enti pubblici.

Ovviamente, per quanto concerne il bilancio, c’è una serie di variazioni che riguardano diversi conti contabili: alcuni vengono stralciati, altri vengono rideterminati e spalmati nel tempo. La conseguenza più importante però e rappresentata dal cambiamento del risultato economico d’esercizio nel bilancio consuntivo 2014.

Nel caso di San Martino di Lupari, i residui attivi cancellati ammontano a 189.000 euro mentre quelli passivi cancellati ammontano a circa 219.000 euro. L’avanzo di amministrazione, pertanto, aumenta di 30.000 euro e passa da 122.000 euro a 152.000 euro. Per quanto concerne invece i residui splittati nel tempo, quelli attivi ammontano a 498.000 euro, quelli passivi ammontano a 1.279.000 euro con un saldo finale di 780.000 euro circa. Tale importo verrà coperto utilizzando il fondo pluriennale vincolato.

Altra novità è l’introduzione obbligatoria di un “fondo crediti di dubbia esigibilità”: gli enti pubblici, a fronte di tutti quei crediti di cui non è certa la riscossione, dovranno applicare una percentuale e costituire tale fondo. A San Martino di Lupari tali crediti sono rappresentati principalmente da multe per infrazioni inerenti al codice della strada e dalle entrate derivanti dal pagamento dell’IMU. Il fondo costituito come garanzia per eventuali mancati incassi è di circa 632.000 euro. L’amministrazione intende coprire questo buco parzialmente utilizzando l’avanzo di amministrazione di 152.000 euro, mentre per la parte restante di 480.000 euro, intende sfruttare la possibilità, offerta dallo Stato, di ammortizzarlo entro 30 anni a partire dal 2015. Il risultato è che il comune avrà un costo di 16.000 euro l’anno per i prossimi 30 anni.

La dichiarazione di voto di Progetto San Martino è stata affidata al consigliere Campagnolo, il quale ha ricordato come le voci principali per le quali è stato costituito il fondo crediti di dubbia esigibilità erano già state da tempo segnalate da Progetto San Martino come crediti di incerta riscossione. Le sanzioni relative al codice della strada, non immediatamente incassate, sono state poi riscosse dal Comune per il 30% circa, quelle derivanti dalle violazioni IMU sono state incassate per il 30%, mentre le entrate relative agli introiti da riscuotere dalla società che ha gestito l’illuminazione del cimitero vengono date per perse. È importante sottolineare che questi dati non sono ipotetici ma nascono dalla media delle riscossioni avvenute negli ultimi 5 anni. Perciò sono dati noti da tempo all’Amministrazione. Secondo Progetto San Martino, la mancata prudenza da parte dell’amministrazione nell’iscrivere a bilancio i crediti sopra citati ha prodotto una variazione del risultato d’esercizio da 123.000 euro a -509.000 euro, determinando un pesante fardello per le generazioni future. Sostanzialmente l’Amministrazione “gonfiava” i bilanci per finanziare spese tramite soldi che probabilmente non sarebbero mai arrivati.

L’amministrazione, per difendersi, ha ricordato come il decreto n. 118 / 2011 sia entrato in vigore solo nel 2015 e che pertanto nell’anno 2014 andava applicato il principio di competenza. Perciò i bilanci passati erano stati redatti nel rispetto delle regole. “È vero”, ha affermato Campagnolo, “ma il decreto era stato approvato nel 2011. Sebbene i bilanci fossero stati redatti nel rispetto delle regole, l’Amministrazione sapeva che quei soldi non sarebbero mai arrivati. Perciò doveva comportarsi di conseguenza evitando di esporre il risultato d’esercizio ad improvvise fluttuazioni. Nessuna persona avveduta a casa propria spenderebbe soldi che sa che probabilmente non incasserà mai.”

[ Clicca qui per vedere la dichiarazione di voto del Consigliere Campagnolo… ]

Al termine della dichiarazione di Campagnolo, il capogruppo di Progetto San Martino Pierfrancesco Zen, a proposito di mancati incassi, ha ricordato a tutti ancora una volta la scarsa attenzione posta dall’amministrazione nella riscossione degli introiti dall’azienda che aveva vinto l’appalto per l’illuminazione del cimitero (SOLDI BUTTATI DALLA FINESTRA).

Il punto 3) è stato approvato con il voto favorevole di tutta la maggioranza. Per quanto riguarda l’opposizione, gli esponenti del Gruppo Misto si sono astenuti mentre il consigliere Zorzato e il gruppo Progetto San Martino hanno espresso un voto contrario.

4) Approvazione dello schema di convenzione per la costituzione ed il funzionamento del consiglio di bacino “Brenta per i rifiuti”

Il punto 4) riguarda il superamento dei vecchi bacini per la gestione dei rifiuti. I bacini corrispondono alle autorità che definiscono la tariffa e la modalità per la gestione e la raccolta dei rifiuti; sono enti partecipati dai comuni che forniscono a questi ultimi le indicazioni per le modalità di gestione dei rifiuti.

Nel caso della provincia di Padova, i vecchi bacini per la raccolta erano 4. Il nuovo bacino “Brenta”, nel quale verrà compreso San Martino di Lupari, è formato da 72 comuni, i quali hanno sottoscritto una convenzione che durerà 20 anni. Il responsabile del coordinamento è il comune del bacino con più abitanti: per quanto concerne il bacino Brenta, il comune responsabile del coordinamento sarà Bassano del Grappa. San Martino di Lupari parteciperà al bacino con una quota del 23/1000.

Il punto 4), essendo d’interesse generale e costituendo un obiettivo per tutti, è stato votato all’unanimità.

5) Interrogazioni e Interpellanze

A questo punto i consiglieri Petrin e Zanchin si sono dichiarati non facenti più parte della maggioranza e di rappresentare legittimamente la Lega Nord/Liga Veneta. Il Sindaco ha negato il loro diritto a rappresentare la Lega Nord/Liga Veneta perché è stata l’attuale maggioranza a presentarsi con tale simbolo e ha comunicato poi, ai sensi dello Statuto Comunale, che entreranno i due a far parte del Gruppo Misto. Decisione che desta ovviamente seri dubbi di correttezza, ma che si spiega solo con la necessità del suo gruppo di non perdere elettorato a seguito della rottura all’interno della Lega locale.

Fra le interpellanze è certamente da segnalare quella presentata dai consiglieri del gruppo misto Zanchin e Petrin, la quale riguarda un argomento già affrontato e denunciato più volte da Progetto San Martino, ovvero la gestione del Show Motor Live 2014.

Il consigliere Petrin ha esordito con l’evidenziare i danni subiti dal campo di calcio dove si allena la Luparense, che è stato sistemato definitivamente solo a 6 mesi dalla conclusione del Motor Show, arrecando disagi notevoli a tutti i giocatori, i quali hanno dovuto trovare soluzioni alternative per allenarsi durante il periodo invernale; lo stesso Petrin ha poi ricordato che i danni subiti dagli impianti sportivi sono stati riparati dalla Luparense Calcio stessa con l’aiuto dell’impresa Fior.

“Tutti questi danni”, ha ricordato il consigliere, “non sono stati pagare all’associazione ED SPORT, come prevederebbe l’articolo 5 della convenzione sottoscritta dal comune con l’associazione stessa. Per quale motivo il comune non ha dato esecuzione al risarcimento dovuto?”.

Petrin ha poi fatto presente che, fra le tante voci che caratterizzano la rendicontazione del Motor Show Live 2014, c’è anche “Spese Associati” per un importo pari a 7.375,44 euro: tale importo rappresenta il rimborso chilometrico di 25 soci di ED SPORT nel periodo che va dal 16/07/2014 al 31/07/2014 per una percorrenza complessiva di km 12.645 (ovvero quasi 6 volte l’Italia andata e ritorno). “Trovo un po’ strano”, ricorda Petrin, “il fatto che la manifestazione si sia svolta nei giorni 18-19-20 Luglio 2014 mentre questi signori (i soci di ED SPORT) hanno continuato a correre come tornelli ancora per 15 giorni”?

Infine il consigliere ha ricordato che da 3-4 mesi su Facebook è presente l’annuncio dell’edizione del Show Motor Live 2015 e a questo proposito ha chiesto, in mancanza di una delibera per l’autorizzazione dell’evento, chi sarà il soggetto che si occuperà stavolta della gestione del Motor Show e a chi sono intestate le fatture per la pubblicità fatta finora.

Il consigliere Zen di Progetto San Martino ha presentato un’interpellanza sulla questione del Wi-Fi e della Banda larga nelle strutture comunali segnalando come si tratti di un argomento molto sentito dalla cittadinanza e, in merito al quale, il Gruppo Progetto San Martino ha ricevuto segnalazioni e lamentele d’inefficienza nei confronti dell’Amministrazione comunale.

[ Clicca qui per vedere l’interpellanza presentata dal Capogruppo Zen… ]

Il sindaco ha letto poi le risposte alle interpellanze presentate nella seduta del 30/04/2015

a) Sicurezza per San Martino di Lupari

[ Interpellanza della Consigliera Marostica presentata nel CC del 30 aprile 2015 ]
[ Risposta all’interpellanza della Consigliera Marostica… ]

b) Contributi regionali

 [ Interpellanza del Consigliere Campagnolo presentata nel CC del 30 aprile 2015 ]
[ Risposta all’interpellanza del Consigliere Campagnolo… ]

c) Struttura organizzativa e dotazione organica dell’ente

[ Interpellanza presentata dal capogruppo Zen nel CC del 30 aprile 2015 ]
[ Risposta all’interpellanza del Consigliere Zen… ]

6) Comunicazioni del sindaco

Il sindaco ha formalizzato quindi la nascita di un nuovo gruppo consiliare in data 05/06/2015, costituito dai consiglieri Giuseppe Zanchin e Tiziano Petrin, ed ha provveduto a informare l’aula che, secondo quanto prevede il regolamento del consiglio comunale, nel momento in cui 2 persone vengono elette con una maggioranza sotto un certo simbolo e poi decidono, per divergenze politiche, di formare un gruppo consiliare autonomo, non hanno diritto di utilizzare nessun simbolo e pertanto confluiscono nel Gruppo Misto (ciò solo in forza di un regolamento la cui vetustà e inadeguatezza alla normativa vigente è stata più volte segnalata e denunciata da Progetto San Martino. Sia il sindaco che la segretaria comunale avevano promesso che entro l’estate 2015 le Commissioni consiliari sarebbero state convocate ma, ad oggi, dopo un anno a distanza dall’insediamento comunale, anche su questo fronte tutto tace).

Ai 2 consiglieri del Gruppo Misto sono state revocate le deleghe in materia di sport e di commercio: la delega allo sport è stata conferita alla consigliera Baron mentre la delega al commercio è stata conferita all’assessore Bolzon.